Ritratto: l’importanza del Make Up Artist

Rock GirlDi recente ho potuto collaborare con Maria Maraver, ragazza venuta a Milano da Madrid per l’arte e la moda. Mentre sviluppavo le foto realizzate mi sono reso conto di quanto sia importante il make up per una modella che posa per dei ritratti. La differenza tra un trucco fai da te o un po’ approssimativo, con uno professionale si vede. Ci sono molte buone ragioni per affidarsi a una MUA (Make Up Artist) sia per la modella che per il fotografo. In primo luogo c’è la qualità del risultato: se il make up è fatto a regola d’arte esso sarà parte integrante dell’interpretazione della modella e permetterà di dare carattere e forza al personaggio. Il make up artist infatti ha studiato per essere in grado di utilizzare il trucco non solo per abbellire o nascondere difetti, ma anche (e soprattutto) per fare in modo che la persona truccata risulti quanto più perfetta possibile per il contesto. Di conseguenza il MUA saprà interpretare i vestiti, i colori, la luce e il personaggio, usando i giusti strumenti e colori. Oltre alla qualità c’è anche un fattore economico per il fotografo: avvalersi dei servizi di una MUA fa risparmiare un sacco di tempo in fase di post produzione perché se la modella non ha una pelle perfetta o ha delle sbavature del trucco, quelle sono tutte ore che poi si dovranno passare a photoshop.

Meet Maria

I Make Up Artists possono collaborare in TF* esattamente come i fotografi e come le modelle, e come tali vanno considerati e trattati allo stesso modo: non bisogna mai approfittare di un MUA e ci deve sempre essere un mutuo vantaggio, uno scambio di prestazioni che diano un risultato tangibile a tutti, fotografo, modella e make up artist.

Per la collaborazione con Maria Maraver, ho avuto il piacere di collaborare con Cristina Martinez, make up artist spagnola trasferitasi a Milano da poco. Trovate la sua pagina qui: www.cristinamartinezmakeup.com

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrShare on RedditDigg thisEmail this to someone

Commenti

commento