Recensione: Flash Yongnuo YN568EX

20/05/2016 Recensioni 1 Comment

Il flash Yongnuo YN568EX ambisce a rivaleggiare con flash professionali come il Nikon SB910 pur costando meno di un quinto del prezzo dei concorrenti. Si tratta di un flash economico che vale, a mio avviso, ben più di quanto costa (alla stesura di questo articolo lo si trova attorno al centinaio di euro su siti come amazon.it).

Questo speedlite ha un numero guida di 58, cosa che lo rende particolarmente potente per essere un flash di fascia economica. La controparte è che il lampo non sembra essere preciso e costante come un flash professionale, ma d’altronde non ci si può aspettare di meglio per il prezzo.

La qualità costruttiva è ottima, sebbene sia di plastica piuttosto leggera, il flash appare solido e ben rifinito. La testa ruota completamente da entrambi i lati fino a 360 gradi mentre completa i 90° in altezza. La testa è dotata del classico diffusore a scatto e del cartellino bianco per riflettere la luce. Lo scatto di rotazione della testa è decisa e abbastanza costante, cosa molto positiva per chi è abituato a modificare rapidamente l’assetto.

Come mostra il video, il tempo di ricarica varia da meno di 0.5 secondi quando si usa 1/128 di potenza, ma rallenta notevolmente, fino a 3 secondi dopo il primo scatto, se si usa la massima potenza. Il flash è capace di leggere i segnali della reflex per il TTL, a patto di utilizzare il modello corretto per la propria macchina (attualmente esiste per Nikon e per Canon).

Il flash può lavorare anche in modalità completamente manuale e in modalità slave. La fotocellula non sembra avere problemi di sensibilità e tiene tranquillamente tutti gli scatti in sequenza del flash che comanda lo scatto. Lo schermo di controllo è retroilluminato e i pulsanti sono pochi e abbastanza facili da premere, fatta eccezione per il pulsante centrale che a volte viene premuto per sbaglio mentre si regola la potenza. Il flash è alimentato da quattro pile classiche, meglio se ricaricabili e potenti come le Sanyo Enelop.

Infine, la cosa che più mi ha stupito, è la possibilità di utilizzare la modalita auto-fp di sincronizzazione ad alta velocità del flash, nota come HSS o High Speed Sync.

In definitiva un ottimo flash che può andare benissimo come backup per un set di luci professionali o persino per creare un piccolo studio.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrShare on RedditDigg thisEmail this to someone

Commenti

commento