#PhotoExposed: Marshmallow volante (nell’oscurità)

Scattare foto particolari come quella in questo articolo è affascinante e per alcuni addirittura una sfida. Infatti, questa foto mette insieme molte degli aspetti tecnici della fotografia e richiede una certa comprensione di come funziona la luce. Soprattutto per chi è abituato a scattare solo con luce naturale, realizzare scatti come questo in cui si ha un contrasto talmente forte con lo sfondo da farlo apparire nero, e un soggetto in movimento rapido che viene congelato a mezz’aria può risultare difficile. Infatti, per ottenere questa foto senza luci artificiali, servirebbe una finestra con solo un piccolo spiraglio aperto, in modo da consentire alla luce di colpire solo la mano. Per congelare il movimento si dovrebbe usare un tempo di esposizione molto basso, per esempio 1/1000 di secondo, cosa che richiederebbe di alzare la sensibilità ISO di molto, causando perdita di gamma dinamica e rumore, come spiegato qui. Il semplice uso del flash senza modificatori potrebbe dare risultati non sufficienti perché, ovviamente, in generale si desidera che la luce sia quanto più naturale possibile.

Leggi altri tutorial sulle tecniche fotografiche

In questo video spiego come realizzarla con pochi semplici passi. Basta veramente poco e non serve attrezzatura costosissima. Anzi, questa è proprio una foto da fare “on a budget”, visto che, fotocamera a parte, tutto ciò che serve si può comprare anche con meno di 30 euro a oggetto (si anche il flash, ne ho recensito uno qui).

I passi da seguire sono i seguenti:

  1. Impostare la fotocamera su dei parametri che, in relazione alla luce ambiente, diano come risultato una foto completamente nera. Nel mio caso ho usato f/11 e tempo di 1/200 di secondo.
  2. Usando il flash incorporato e coprendolo con dei fogli di cartoncino nero, il risultato deve essere ancora lo stesso. Il lampo di questo flash servirà per far scattare il flash remoto che illuminerà il soggetto.
  3. A questo punto è necessario montare il softbox e preparare la scena. Il flash dovrà essere posizionato lateralmente a dove verrà lanciato il marshmallow, in modo da simulare la luce di una finestra, e dovrà essere molto vicino, giusto appena fuori dalla scena.
  4. Realizzando uno scatto con il flash incorporato scoperto dovremmo ottenere una foto con la mano correttamente esposta ma con lo sfondo ancora visibile.
  5. Coprendo nuovamente il flash e assicurandosi che il flash laterale scatti correttamente, dovremmo quindi poter verificare che le impostazioni siano tutte corrette: sfondo nero, mano a fuoco e correttamente esposta.
  6. Infine, facendosi aiutare a un amico, oppure usando un telecomando, sarà possibile divertirsi a scattare le foto.

Il softbox può essere di qualsiasi tipo (ed in realtà è opzionale), tuttavia serve per rendere la luce più naturale poiché ingrandisce la dimensione della sorgente luminosa rendendo le ombre più morbide. Nel video uso una griglia a nido d’ape per evitare che la luce del flash vada in direzioni non volute. Anche il flash può essere di qualsiasi tipo poiché data la distanza dal soggetto non serve una potenza enorme. L’importante è che sia un flash dotato del sensore di scatto remoto, in modo che lo si possa far scattare con il flash incorporato. Una soluzione alternativa (più costosa) è l’uso dei trigger o di un lungo cavo (nell’ipotesi che la fotocamera abbia l’attacco corretto).

Questa foto sfrutta il concetto di doppia esposizione spiegato qui, facendo in modo che l’esposizione della luce ambiente sia nulla (sfondo nero) e che l’unica luce a colpire il soggetto sia quella del flash, potendo così controllare l’intera scena in ogni dettaglio.

Alcuni piccoli accorgimenti finali: consiglio di mettere a fuoco il punto in cui lanceremo il soggetto in aria e poi di spostare l’obiettivo (o la fotocamera) sulla messa a fuoco manuale, in modo da evitare spiacevoli perdite di tempo. Inoltre è consigliabile partire dalla potenza minima del flash perché questo, in generale, abbassa la durata del lampo aiutando a congelare il movimento. Nel caso l’esposizione non dovesse essere corretta si potrà aumentare gradualmente la potenza fino a ottenere il risultato desiderato. La sensibilità ISO deve essere al minimo possibile.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrShare on RedditDigg thisEmail this to someone

Commenti

commento