L’importanza di saper leggere una foto

Quando si cerca di imparare la tecnica fotografica, uno dei migliori mezzi possibili dopo quello di praticare, c’è l’osservare il lavoro altrui e cercare di effettuare una decomposizione dettagliata. In sostanza bisognerebbe cercare di capire che cosa il fotografo avesse in mente e in che modo ha realizzato il suo messaggio.
A proposito di questo tema voglio condividere la mia esperienza in merito: molto spesso mi è stato chiesto da “aspiranti fotografi” (e non solo) che guardavano alcune mie foto, che attrezzatura avessi usato, in termini principalmente di quale fotocamera avessi usato e soprattutto se fosse una full-frame (differenza tra crop e full-frame possono essere trovate qui). Questa domanda è un po’ ingenua e di sicuro abbastanza controproducente perché indica la convinzione che il corpo macchina sia l’elemento più importante nella realizzazione di una buona foto.
La domanda che invece preferisco sentire è: “che luci e che modificatori hai usato?”. Una domanda del genere denota invece un interesse che va ben oltre le banalità perché evidenzia in primo luogo che la persona è stata in grado di riconoscere che la luce che illumina la scena non è una fonte naturale ma è controllata, cosa non sempre intuibile o scontata, e inoltre sottolinea la volontà di comprendere come la luce scelta abbia potuto produrre quella particolare scena.
Infatti, se è sicuramente importante imparare a riconoscere se il fotografo abbia usato una certa prospettiva, una posizione sopraelevata o dal basso, e se abbia usato un grandangolare o un teleobiettivo, la cosa che risulta spesso più difficile nella costruzione di una scena è la posizione, la qualità e la tipologia di luci usate. In alcuni casi, come nei ritratti, è possibile studiare la sorgente luminosa guardando i riflessi negli occhi, ma in altri scenari, come lo still-life per fotografia commerciale, è molto più difficile.
In sostanza il mio consiglio è quello di concentrarsi principalmente sullo studio della luce artificiale per cercare di fare esperienza e capire come si possa simulare della luce naturale (esempio qui), o come si possano creare effetti particolari (come per esempio qui).
Recentemente ho pubblicato un’altra raccolta di suggerimenti proprio dedicati a questo tipo di argomenti: I Segreti della Luce (Artificiale). Spero possa essere una buona e stimolante lettura!

Commenti

commento