LightPainting con uno smartphone? Yes you can!

Una delle limitazioni più importanti degli smartphone è quella legata alla possibilità di controllare i vari parametri dell’esposizione in maniera completa. Questo rende il più delle volte impossibile effettuare delle lunghe esposizioni. Come è dunque possibile divertirsi con il light painting usando uno smartphone? Esiste una risposta molto semplice che risiede nell’utilizzo di applicazioni specifiche in grado di implementare l’algoritmo dello stacking. Infatti, sebbene lo smartphone non possa effettuare pose bulb, nulla vieta a un’applicazione di scattare una sequenza di foto e metterle insieme calcolandone la media (che come spiegato è equivalente a una lunga esposizione).

Nel video ho usato semplicemente un iPhone 5, un mini cavalletto manfrotto con adattatore per smartphone e una semplice torcia. Purtroppo ho dimenticato di salvare il risultato quindi non posso pubblicarlo ad alta risoluzione, ma il video e l’ingrandimento finale dovrebbero rendere l’idea di cosa sia possibile ottenere.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrShare on RedditDigg thisEmail this to someone

Commenti

commento